FAQ

line_2
  • QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI PER IL MATRIMONIO CIVILE?

    Come prima cosa dovrete presentarvi all'Ufficio Matrimoni o di stato civile del comune con i vostri documenti d’identità. Non è necessario andare in coppia, basterà, infatti, anche uno solo di voi con delega a eseguire le pubblicazioni su carta semplice firmata dalla persona assente e copia del documento di identità del delegante.
    In caso di impossibilità di entrambi i fidanzati, basterà una terza persona munita di delega a eseguire le pubblicazioni firmata da entrambi i futuri sposi e copie dei documenti di identità dei deleganti.

    A questo punto gli incaricati comunali, accertato l’effettivo stato di libertà da vincoli di precedenti matrimoni e la reale consapevolezza di entrambi gli interessati, provvederanno ad elaborare le pubblicazioni che, con le generalità dei promessi e il luogo di celebrazione delle nozze, verranno esposte per 8 giorni alla Porta della Casa Comunale dei comuni di residenza di entrambi i futuri sposi.

    Trascorsi 3 giorni dopo il termine delle pubblicazioni, l’Ufficiale di Stato Civile, se non sono state presentate opposizioni, rilascia il “nullaosta” al matrimonio, che dovrà essere celebrato entro 180 giorni dalla scadenza della pubblicazione, pena la decadenza di validità dei documenti.

    DOCUMENTI COMUNE – SINTESI

    • Documenti richiesti: Carta d'identità
    • Elaborazione pubblicazioni: 14 Giorni
    • Pubblicazioni: 11 giorni (8+3)
    • Totale elaborazione + esposizione: 25 giorni
    • Durata pubblicazioni: 180 giorni
    • Costi: € 14,52 (marca da bollo)

  • QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI PER IL MATRIMONIO RELIGIOSO?

    Per il matrimonio religioso i tempi si allungano, infatti oltre ai documenti civili e religiosi, dovrete tenere conto anche del corso prematrimoniale.

    Quando ci si sposa in chiesa sono necessari questi documenti:

    1 - Il certificato di Battesimo;
    2 - Il certificato di Cresima;
    3 - Il Certificato di Stato Libero Ecclesiastico
     (deve essere presentato solo da chi ha vissuto fuori dalla Diocesi in cui avviene il matrimonio per un periodo di almeno un anno dalla data di compimento dei sedici anni; è una dichiarazione che si compie davanti a due testimoni nella Parrocchia di residenza e vidimata dalla Curia);
    4 - l'attestato di partecipazione al corso prematrimoniale;

    Una volta ottenuto il consenso alle nozze dal parroco, verranno affisse le pubblicazioni religiose, per otto giorni, comprendenti due domeniche, presso le parrocchie dei due sposi e, se diversa, presso quella in cui la coppia intende sposarsi. Scaduto il termine degli otto giorni il parroco rilascerà il certificato di avvenuta pubblicazione con cui presentarsi in comune per le pratiche civili.

    Non è obbligatorio sposarsi nella chiesa in cui è stato rilasciato il certificato di avvenuta pubblicazione. In caso si opti per una parrocchia diversa, il parroco che ha istruito le pratiche per il matrimonio consegnerà i documenti, vidimati dalla Curia, al prete che celebrerà il matrimonio.

    DOCUMENTI CHIESA – SINTESI

    • Documenti richiesti: certificato di Battesimo; certificato di Cresima; certificato di Stato Libero; attestato di partecipazione al corso prematrimoniale
    • Pubblicazioni religiose: 8 giorni (comprese 2 domeniche)
    • Totale tempo Corso + Pubblicazioni: 60 giorni
    • Pratiche civili: 25 giorni
    • Totale documenti religiosi e civili: 85 giorni
    • Costi: € 14,52 (marca da bollo)

  • SIAMO UNA COPPIA DI STRANIERI E VOGLIAMO SPOSARCI IN ITALIA. COME FACCIAMO PER I DOCUMENTI?

    Rispetto ai casi generali, esistono alcune eccezioni, come ad esempio i documenti per i cittadini stranieri. Se uno dei due fidanzati, infatti, non è italiano è necessario procurarsi un nullaosta o un certificato di capacità matrimoniale per cittadini stranieri, che sono rilasciati dall’autorità diplomatica competente del proprio paese.
    Inoltre, se non ci sono convenzioni internazionali tra l'Italia e lo Stato di appartenenza dello sposo o della sposa che ne stabiliscano l'esenzione, il nullaosta deve essere legalizzato in Prefettura.
    Se il nullaosta, inoltre, presenta dati anagrafici incompleti è necessario anche un estratto di nascita su modello plurilingue.
    Fino al 2011, in virtù della legge n. 94/2009,  i cittadini stranieri non appartenenti all'Unione Europea dovevano esibire anche un documento valido attestante la regolarità del soggiorno nel territorio italiano.Ora invece la situazione è cambiata.
    Con la sentenza 245 del 20 luglio 2011, però, la Corte Costituzionale ha dichiarato  l’illegittimità costituzionale dell’articolo 116 c.c. proprio nella parte in cui prevedeva che per sposarsi in Italia lo straniero doveva essere in possesso di un valido titolo di soggiorno.

    La sentenza si basa sul principio che il matrimonio è un diritto fondamentale e, come tale, non può essere limitato dalla regolarità o meno del soggiorno dello straniero.

    E così il Ministero dell’Interno, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, ha diramato la circolare n. 21 del 26 luglio per rendere edotti gli Enti interessati della sopravvenuta modifica legislativa.

    DOCUMENTI PER CITTADINI STRANIERI – SINTESI

    • Nullaosta o certificato di capacità matrimoniale per cittadini stranieri
    • Estratto di nascita plurilingue

Possiamo occuparci personalmente di questi e di molti altri aspetti. Noblesse Oblige offre un costante supporto nel capire gli aspetti commerciali e giuridici del settore.

Vorrei avere un’idea di budget per un matrimonio e un evento medio? 

Ogni budget è un’idea creata e pianificata con Stile.

Forniamo un approccio innovativo all’event industry offrendo un Free Service di ricerca location in Italia e all’estero permettendo al nostro cliente di investire l’intero budget nell’evento stesso.

Siamo in grado di offrire una varietà di spazi diversi con le tariffe migliori.

Vi aiuteremo a calcolare il budget ad ottimizzare al massimo le spese, includendo più particolari possibili, mettendo a vostra disposizione il nostro potere di mediazione maturato negli anni, per velocizzare l’organizzazione del matrimonio rendendolo per voi a stress free.

Come faccio a diventare una Wedding Planner?

“Viaggio Itinerante per diventare una Wedding Planner” è uno dei nostri corsi più divertenti ed allo stesso tempo formativi dove le partecipanti capiranno come batte il cuore di un WedPlanner.